Come funziona realmente un forno a microonde?

Ciò che accade esattamente in un forno a microonde durante il riscaldamento e il modo in cui il cibo nel forno a microonde viene riscaldato, non è chiaro a molti. Pertanto, arrivano le numerose voci sul pericolo del "cibo irradiato". Come funziona esattamente un microonde, leggi questo post.

Radiazione usata

Molte persone pensano alla parola "radiazione" a Chernobyl e alla contaminazione radioattiva. Questa è una sciocchezza, ovviamente. Il cibo non è "irradiato" nel microonde ma è eccitato solo dall'energia del campo elettromagnetico.

Questa energia di campo è un campo elettromagnetico in forma d'onda. Le onde elettromagnetiche sono, ad esempio, anche:

  • onde radio
  • radiazioni di calore
  • luce e
  • raggi X

L'impatto su sostanze, tessuti viventi e alimenti, tuttavia, dipende sempre dalla lunghezza d'onda e dalla frequenza della radiazione utilizzata. Ad esempio, la luce visibile si trova in una diversa frequenza e lunghezza d'onda rispetto, ad esempio, alla radiazione di calore di una stufa in maiolica, che può essere visualizzata solo da una termocamera ad infrarossi. Generalmente le microonde usano fasci di decimetri.

Getti decimali

A parte alcune deviazioni, le lunghezze d'onda di 12 cm (quindi "onde decimali", lunghezza d'onda di circa 10 cm = 1 dm) sono utilizzate oggi per le microonde. La frequenza è in genere 2.455 GHz.

Effetto delle onde decimetriche

Le onde di questa lunghezza d'onda e frequenza stimolano le molecole a muoversi. In particolare, le molecole d'acqua sono messe in moto da queste onde. Il movimento dell'acqua contenuta a livello molecolare si traduce in calore d'attrito nel cibo, che provoca il riscaldamento.

Questo principio spiega anche perché gli alimenti o le sostanze non acquosi nel microonde non possono essere riscaldati. Molecole diverse dall'acqua vengono mosse solo leggermente dai getti del decimetro e quindi non generano attrito.

Componenti vicino al forno a microonde

Il nucleo di ogni forno a microonde e il componente più importante per l'intero funzionamento è il cosiddetto generatore di microonde, precedentemente noto come magnetron. Questo componente genera l'energia del campo elettromagnetico e dirige le onde risultanti nella camera di cottura del microonde. Per la conduzione delle onde, viene utilizzata una cosiddetta guida d'onda.

Alimentazione del generatore di microonde

Per il funzionamento di un generatore di microonde, è necessaria una tensione anodica elevata, in genere di almeno 5 kV. Questa alta tensione è generata da un trasformatore ad alta tensione integrato nel dispositivo e da alcuni circuiti speciali.

Dissipazione del calore

Solo il 65% dell'energia assorbita viene convertita in radiazione a microonde, il 35% viene perso sotto forma di calore. Un forno a microonde ha quindi solo un'efficienza elettrica molto bassa. Per dissipare il calore in ordine, una ventola raffredda il generatore di microonde continuamente.

Il calore viene dissipato attraverso le prese d'aria, che possono essere posizionate in punti diversi del dispositivo. Questi slot non devono essere bloccati, altrimenti l'accumulo di calore e il pericolo di incendi possono minacciare.

Consigli e suggerimentiIl calore residuo del generatore di microonde viene inoltre bruciato attraverso il forno per tenerlo asciutto. Il vapore all'interno della camera di cottura viene automaticamente "asciugato".
Condividi con gli amici

Lascia il tuo commento